50 anni di storia napoletana con le foto di Riccardo Carbone

50 anni di storia napoletana con le foto di Riccardo Carbone

di Alessia Giannino

Le fotografie di Riccardo Carbone, insieme ai preziosi della gioielleria Vitagliano al Vomero, per una mostra davvero unica, che ha riportato alla luce alcune fotografie di una Napoli che non c’è più.

La Napoli a partire dagli anni Venti, con le eccellenze dell’imprenditoria partenopea, la vita quotidiana, la canzone napoletana, lo sport, gli scugnizzi, il mondo dei pescatori e tanto altro. Riccardo Carbone, in un primo momento, si dedicò alla fotografia a livello amatoriale, poi iniziò la collaborazione con “Il Mattino” e convinse l’editore, Eduardo Scarfoglio, a dare maggiore spazio alle immagini come documentazione giornalistica. Egli fu il primo fotoreporter de “Il Mattino” e, grazie alla sua attività, oggi possiamo rivivere quei momenti di un epoca passata della nostra città, fino al 1973. Un racconto di cinquanta anni, che però si sta rovinando: infatti il 15% dei negativi sono già stati compromessi dalle muffe e le scatole che li contengono, ormai, sono segnate dal tempo.

500mila negativi, qualche migliaia di stampe e lastre di vetro: questo è il patrimonio fotografico napoletano lasciatoci da Riccardo Carbone. I volontari dell’Associazione stanno provando a digitalizzare l’archivio, con uno scanner, ormai anch’esso superato dalle nuove tecnologie. Le memorie storiche di Napoli, quelle create da Carbone, pian piano si stanno disintegrando. L’Associazione, nata quest’anno, ha lo scopo di salvaguardare questo patrimonio, ignorato dalle istituzioni, che non offrono aiuti finanziari. È stata, perciò, avviata una campagna di crowfunding, attraverso la quale è possibile dare una mano a salvare un pezzo di storia napoletana. Per contribuire basta collegarsi al sito www.salviamolamemoria.it.

Booking.com

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!