Le “ciociole natalizie”

Le “ciociole natalizie”

Il legame tra la frutta secca e Napoli

Le “ciociole natalizie” sono ormai definite o spassatiempo“ dei napoletani durante le festività natalizie.Le “ciociole”sono il classico cesto che raccoglie nocciole, noci, mandorle, fichi secchi e ogni tipo di frutta secca.Per alcuni il termine “ciociole” (“sciosciole”, “sciocele” o,“scioccelle”) deriva da “ciocio” cioè “sciocco”,infatti la frutta secca era considerata come sciocchezza in confronto all’abbondante menù natalizio, perchè, era meno elaborata rispetto alle altre pietanze. Altri invece associano il termine ad un’onomatopea del rumore che fanno le noci e le noccioline nel cesto che urtano tra di loro quando si infilano le mani dentro per prenderle (tipo “cio cio”).A Napoli, così come nell’ attesa dei cenoni,come aperitivo, delle due vigile, natale e capodanno, non deve mai mancare la famosa pizza di scarole ,alla fine di essi non si conclude senza il cestino con le ciociole. Accompagante dalle castagne del prete(altro prodotto tipico campano) sono un vero e proprio spassatempo per i napoletani, in attesa del caffè e dell’apertura dei regali,ma anche durante i giochi natalizi.Molti,infatti, usano le bucce delle ciociole come segna numeri per le cartelle durante la classica tombolata.

Insomma, per i napoletani,senza le ciociole non è Natale!

 


 

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!