Fuorigrotta

Fuorigrotta

di Daniela Lombardi

Fuorigrotta è uno dei quartieri più conosciuti e importanti di Napoli, tanto che la troviamo citata da Sigmund Freud, il quale ne parlava così: “Sulla sinistra i boschi si spingono fino ad un monte assolutamente rispettabile, cinto dalla riga bianca di una strada e sulla cima del quale biancheggiano le mura di un antico castello. Credo che questa collina si chiami Monte Sant’Angelo”.

Ancora oggi è un punto centrale della città partenopea e la sua popolarità continua a crescere, sia per le sue strutture come lo Stadio San Paolo e la Mostra d’Oltremare, sia come punto di ritrovo per altri avvenimenti.

Fuorigrotta è sempre stata, infatti, un luogo di ritrovo per i napoletani: negli anni addietro le attrattive della zona comprendevano anche lo zoo (chiuso e riaperto ad intermittenza), l’Edenlandia, lo Sferisterio e il Palazzetto dello Sport Mario Argento conosciuto come PalArgento (Sfortunatamente ora chiusi e/o dismessi), il bowling e qualcun’altra “sopravvissuta”.

Se in Italia il calcio è lo sport più seguito, a Napoli è sicuramente anche quello più praticato. Sin da età molto giovane i bambini napoletani iniziano a dare calci al pallone e difficilmente smettono in età adulta.

Lo Stadio San Paolo, quindi, è per i napoletani un punto di ritrovo fondamentale per la passione che il popolo ha per il calcio e per i festeggiamenti. Lo Stadio non è frequentato solo da accaniti tifosi: spesso si vedono intere famiglie con bambini sugli spalti a godersi qualche partita (evitando ovviamente quelle più “calde”).

Se avete qualche difficoltà a relazionarvi con un napoletano, magari perché ci avete litigato, basta usare la frase “Maradona è grande” e qualsiasi discordia verrà dimenticata.

Fonte: napolimagazine

Lo Sferisterio, che si trova in piazza Italia, era un luogo dedicato a competizioni sportive quali palla basca (pelota basca), tamburello e ping pong a livello nazionale e internazionale.

La struttura, iniziata negli anni 40 e ultimata negli anni 50, subì gravi danni per terremoti, bombe e attentati camorristici, tanto da portarne alla chiusura e adesso fa parte di uno dei tanti edifici fantasmi della città.

L’Università della zona di Fuorigrotta, la Federico II, è tra le più conosciute soprattutto per gli studi di ingegneria, scienze matematiche ed economia: l’ateneo è molto grande e comprende anche vari altri indirizzi di studio e svariate sedi.

La zona universitaria è talmente ampia da essere considerata “cittadella universitaria” e comprende molte strutture per studenti, oltre a spazi verdi e locali (take away e non) nei quali si può mangiare anche approfittando di convenzioni studentesche.

Fonte: hotelvillamedici.it

La Mostra d’Oltremare è una struttura ampissima, che ospita molte attrazioni diverse, dalle piscine a zona spettacoli, congressi e soprattutto concerti (ci sono stati artisti nazionali e internazionali, da Elio e le Storie Tese, ai Prodigy). È principalmente una zona fieristica, vi si tengono circa 26 fiere nazionali e internazionali ogni anno e, grazie alla struttura molto ben organizzata, queste manifestazioni riescono sempre con grande successo e fanno affluire un grande numero di persone. Tra le più conosciute, del presente e del passato, ci sono: Gameco-Comicon, Fiera del Baratto e dell’Usato, la Fiera della Casa, Tutto Sposi, Tattoo Expo e molto altro. Ci sono infatti 9 padiglioni espositivi su una superficie di 50.000 mq, di cui 30.000 mq all’aperto e 20.000 mq al chiuso, che rendono la struttura adatta per qualsiasi tipo di manifestazione.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!