I Campi Flegrei: belli e pericolosi!!!

I Campi Flegrei: belli e pericolosi!!!

I Campi Flegrei sono una zona che nel passato ha avuto molti centri eruttivi.

Le più grandi eruzioni sono due, l’eruzione dell’Ignimbrite Campana e l’eruzione del Tufo Giallo Napoletano.

Grazie a questi fenomeni si è formata una caldera che comprende isole come Ischia e Procida, Campi Flegrei, parte della città di Napoli e una parte del Golfo di Napoli.

L’area di Pozzuoli, i Campi Flegrei, sono tuttora considerati vulcani attivi e sono dichiarati “pericolosi”, anche se l’ultima eruzione c’è stata nel 1538, ma è ancora oggi presente in questa zona il fenomeno del bradisismo, cioè del sollevamento e sprofondamento del suolo ma la zona è da anni costantemente monitorata.

Lo stesso nome dei campi Flegrei deriva dal greco “flego” cioè “brucio” o “ardente” e ancora oggi sono presenti crateri ed edifici vulcanici, tra i quali vi sono la Solfatara con le famose effusioni gassose e zone idrotermali come Agnano, Pozzuoli e Lucrino.

La zona della Solfatara è conosciuta anche per aiutare problemi respiratori o di altro tipo e ultimamente come “viagra naturale”.

Insomma vi sono diverse ragioni per visitare questa zona di Pozzuoli, oltre a far bene alla salute il panorama è davvero particolare.

Tra fumarole, mofete e vulcanetti di fango è un’esperienza unica, in alcuni periodi è possbile visitarla anche di notte, cosa che vi suggeriamo ed iniziano proprio ad ottobre, o anche per gli appassionati di campeggio c’è la possibilità di fermarsi con le tende e godere per un’intera giornata di questo spettacolo della natura che abbiamo a due passi.

Il camping Internazionale Vulcano Solfatara è aperto tutto l’anno e si trova all’interno del parco naturalistico della Solfatara.

Previous Zuppa di lenticchie con pomodori secchi
Next Quartieri: il grande Vomero!

About author

You might also like

Napoletani in cucina 1Comments

Scagliozzi: l’origine dei gustosi triangoli di polenta

di Annina D’Ambrosio Chi non conosce i cosiddetti “sgagliuozzi“? Insieme ai crocchè, alle zeppole, alle frittatine e agli arancini sono sovrani dei famosi “cuoppi” di fritturine, tipici delle friggitorie ed

Curiosita' 0 Comments

Scavi di Liternum: il sogno di uno studente di architettura

di Simona Vitagliano Degli scavi di Liternum, quella meravigliosa, incredibilmente abbandonata, realtà presente sul Litorale Domitio, ne abbiamo già parlato in un articolo di qualche tempo fa, corredato da una

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!