I Campi Flegrei: belli e pericolosi!!!

I Campi Flegrei: belli e pericolosi!!!

I Campi Flegrei sono una zona che nel passato ha avuto molti centri eruttivi.

Le più grandi eruzioni sono due, l’eruzione dell’Ignimbrite Campana e l’eruzione del Tufo Giallo Napoletano.

Grazie a questi fenomeni si è formata una caldera che comprende isole come Ischia e Procida, Campi Flegrei, parte della città di Napoli e una parte del Golfo di Napoli.

L’area di Pozzuoli, i Campi Flegrei, sono tuttora considerati vulcani attivi e sono dichiarati “pericolosi”, anche se l’ultima eruzione c’è stata nel 1538, ma è ancora oggi presente in questa zona il fenomeno del bradisismo, cioè del sollevamento e sprofondamento del suolo ma la zona è da anni costantemente monitorata.

Lo stesso nome dei campi Flegrei deriva dal greco “flego” cioè “brucio” o “ardente” e ancora oggi sono presenti crateri ed edifici vulcanici, tra i quali vi sono la Solfatara con le famose effusioni gassose e zone idrotermali come Agnano, Pozzuoli e Lucrino.

La zona della Solfatara è conosciuta anche per aiutare problemi respiratori o di altro tipo e ultimamente come “viagra naturale”.

Insomma vi sono diverse ragioni per visitare questa zona di Pozzuoli, oltre a far bene alla salute il panorama è davvero particolare.

Tra fumarole, mofete e vulcanetti di fango è un’esperienza unica, in alcuni periodi è possbile visitarla anche di notte, cosa che vi suggeriamo ed iniziano proprio ad ottobre, o anche per gli appassionati di campeggio c’è la possibilità di fermarsi con le tende e godere per un’intera giornata di questo spettacolo della natura che abbiamo a due passi.

Il camping Internazionale Vulcano Solfatara è aperto tutto l’anno e si trova all’interno del parco naturalistico della Solfatara.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!