I sette castelli di Napoli

I sette castelli di Napoli

di Alessia Giannino

In passato Napoli era definita la città dei sette castelli: Castel Nuovo o Maschio Angioino, Castel dell’Ovo, Castel Capuano, Castel Sant’Elmo, Castello del Carmine, Castello di Nisida e il Forte di Vigliena. Essi furono costruiti tutti in maniera strategica, per difendere la città ed il Golfo di Napoli.

Maschio Angioino

Il Celebre Castel Nuovo, anche conosciuto come Maschio Angioino è uno storico castello medievale e rinascimentale, che domina Piazza Municipio. Secondo il re Carlo I d’Angiò esso non poteva essere una residenza degna del re e decise che il luogo più adatto per un nuovo castello dovesse essere laddove sorgeva la Chiesa di Santa Maria ad Palatium. Per questo motivo, il Castel Nuovo divenne una fortezza e nei sotterranei furono costruite la fossa del coccodrillo, utilizzata come deposito del grano e la prigione dei Baroni.

Castel dell’Ovo

Poi abbiamo il Castel dell’Ovo, fatto costruire dal re normanno Guglielmo I, detto il Malo. La sua storia ha origini e leggende molto particolari: si dice che tragga il nome dal poeta Virgilio, che avrebbe posto sotto l’isolotto di Megaride un uovo chiuso in una gabbia. La sua rottura provocherebbe la fine della città.

Castel Capuano

Anche Castel Capuano fu fatto ergere da Guglielmo il Malo. Questo edificio fu costruito sulle rovine di un’antica costruzione ducale e si chiama così perché in prossimità di Porta Capuana. Il castello ospitava principalmente nobili, ma in un secondo momento il vicerè spagnolo don Pedro de Toledo decise di riunirvi tutte le corti di giustizia cittadine della città di Napoli.

Castel Sant’Elmo

Castel Sant’Elmo, invece, fu costruito sulla collina del Vomero; infatti, sorge nel posto in cui c’era la chiesa di Sant’Eframo, da cui ne deriva l’attuale denominazione. Durante la rivoluzione Napoletana, nel 1799, il Castello fu prima conquistato dal popolo, per poi essere occupato dai repubblicani. Il castello divenne anche la prigione dei più importanti protagonisti della rivoluzione, quali Luisa Sanfelice, Giovanni Bausan e Giustino Fortunato.

Castello del Carmine

Il Castello del Carmine o Sperone fu edificato nel 1382 da Carlo III di Durazzo. Esso fu posto all’angolo meridionale della cinta muraria cittadina, come baluardo difensivo. Il progetto originale era caratterizzato da due torri cilindriche, un elevato torrione e mura merlate congiunte da robusti blocchi di piperno. A differenza degli altri castelli, questo non presentava sale regali, in quanto costruito solo ed esclusivamente ad uso militare. Oggi ne rimane solo la Torre Spinella ed un piccolo tratto di cinta muraria di epoca aragonese.

Booking.com

Fonte: napolitan.it

Castello di Nisida

Altro castello, forse il più suggestivo di Napoli, è il Castello di Nisida, costruito per volontà del vicerè Don Pedro de Toledo, come vertice del sistema difensivo che partiva da Baia fino ad estendersi allo Sperone. Durante l’epidemia di peste fu adibito a lazzaretto per gli ammalati, diventando successivamente, per volere dei Borbone, un carcere. Oggi ospita la sede penitenziaria per i Minorenni di Napoli.

Fortezza di Vigliena

Ultima, ma non meno importante, è la Fortezza di Vigliena, fatta costruire dal vicerè Juan Manuel Fernandez Pacheco y Zuniga marchese di Villena. Essa fu costruita a San Giovanni a Teduccio e, durante il Regno delle Due Sicilie, fu utilizzata per l’istruzione alla pratica di artiglieria dei cadetti della Reale accademia militare della Nunziatella. Grazie alla sua posizione strategica, poi, divenne baluardo difensivo, di grande importanza durante la Rivoluzione Partenopea. Oggi resta ben poco della struttura originaria.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!