“Indivisibili” vince ben sei David di Donatello

“Indivisibili” vince ben sei David di Donatello

di Silvia Semonella

Viola e Dasy non sono solo sorelle, sono gemelle identiche e indivisibili, unite al bacino per colpa di una Natura bizzarra che le ha legate, forse per sempre, l’una all’altra.

Sono molto giovani, sono belle e, nonostante sembrino la stessa persona, in realtà hanno sogni, desideri e aspirazioni molto diverse.

La loro particolarità è la fonte di sostentamento della famiglia, che le fa esibire alle cerimonie più disparate; le canzoni, scritte da Peppe, il loro padre-padrone-manager, sono tristi e cupe, come lui, ma nella voce delle gemelle sembrano farsi un canto libero.

Le due ragazze mettono, quindi, a tacere le loro aspirazioni e i loro sogni, rassegnate a condividere ogni istante della loro vita, fino a quando non incontreranno un medico che parlerà loro della possibilità di dividersi per sempre, sconvolgendo completamente la loro vita.

Fonte: agorànotizia.it

Grazie a questo film, profondo e sconvolgente, Edoardo De Angelis, ha trionfato alla 67esima edizione dei David di Donatello, tenutasi la sera del 27 Marzo.

Il regista napoletano, classe ’78, è al suo terzo lungometraggio, dopo Mozzarella Stories e Perez, e aveva già conquistato diversi premi al debutto del film.

Fonte: goldwebtv

“Indivisibili”, infatti, è stato presentato alle Giornate degli Autori Venice days nell’ambito della Mostra del cinema di Venezia, vincendo il Premio Pasinetti come Miglior Film e menzione speciale alle gemelle esordienti Angela Fontana e Marianna Fontana, i premi FICE e FEDIC, il premio Gianni Astrei, il premio Lina Mangiacapre.

In merito, Teresa Marchesi dell’Huffington Post ha scritto: “Indivisibili è un film che sa fare del degrado ambientale e della sottocultura un valore assoluto“.

Ai David di Donatello è stato uno dei favoriti, con ben 17 nominations, e si è aggiudicato sei premi: Miglior Musicista e Migliore colonna sonora originale ad Enzo Avitabile, Migliore Produttore a Attilio de Razza e Pierpaolo Verga, Migliore Attrice Non Protagonista ad Antonia Truppo, Migliore Sceneggiatura Originale e Migliori Costumi.

Fonte: tgcom24

In proposito proprio Edoardo De Angelis ha detto: «La bella notizia sono le reazioni positive che il film ha avuto fino ad ora ovunque lo abbiamo presentato. Alla fine l’importante è riuscire a emozionare chi lo guarda».

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!