La vera ricetta del casatiello napoletano

La vera ricetta del casatiello napoletano

Non sarà certo il corona virus a togliere la scena all’indiscusso protagonista della Pasqua dei Napoletani; l’unico, inconfondibile e calorico sua maestà il casatiello!

Il casatiello si ottiene dalla pasta del pane, quella fatta con la farina, l’acqua e il  lievito madre; la sua forma tipica di grande ciambella spicca per le uova col guscio che cuociono nel forno insieme alla pasta; completano gli ingredienti salumi, formaggio,strutto e la sugna ovvero il grasso del maiale che ne conferisce il sapore forte e denso.

Ecco a voi la ricetta del vero casatiello napoletano,non vi resta che prepararlo e gustarlo!

  • 600 g di farina
  • 50 di lievito
  • 1 cucchiaio di pcorino
  • Pepe nero abbondante
  • 6 uova intere con il guscio
  • 220 g di sugna
  • 4 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • Sale q.b

Il procedimento è piuttosto semplice; impastate la farina con un quarto della sugna,il sale e il lievito disciolto in acqua tiepida e lavoratela aggiungendo man mano l’acqua necessaria ad ottenere una pasta piuttosto morbida. Fatene una pagnotta che cospargerete di farina e farete lievitare per circa due ore,coperta da un panno in un posto tiepido.

Quando la pasta sarà cresciuta ,stendetela all’altezza  di un centimetro,spalmatela di sugna,cospargetela di pepe e di parmigiano e pecorino mischiati insieme e ripiegatela in due. Questa operazione va ripetuta più volte,fino all’esaurimento della sugna ,spianando leggermente la pasta quando la superficie da ripiegare è diventata troppo stretta.

Dopo averla unita e ripiegata per l’ultima volta ,tagliatene un’estremità grande come una pagnottina: servirà al decoro delle uova.Avvolgete il resto in forma di bastone,sistematelo in una teglia ad anello unta e infarinata e mettetelo a lievitare coperto per altre tre ore.

Quando la lievitazione sarà completa, appoggiate sulla pasta,a intervalli regolari,le uova crude con il guscio e fermatele con una croce di pasta ottenuta lavorando a bastoncino la pagnottina tenuta da parte.Mettete la teglia in forno appena tiepido e cuocete a calore moderato per circa un’ora.

 

Previous Le 3 cose da fare a Napoli almeno una volta
Next La differenza tra casatiello e tortano

About author

You might also like

Ricette per 'VEGETARIANI PIGRI' 0 Comments

Zuppa di fagioli cannellini ai funghi porcini con crostini

Ingredienti: Olio extravergine d’oliva Aglio Sale Fagioli cannellini (se siete pigri come me, già lessati) Funghi porcini (se siete pigri come me, disidratati) Prezzemolo Crostini o pane Dado vegetale Tempo

Napoletani in cucina 0 Comments

Il basilico: storia e leggenda del “vasenicola”

di Rosanna Vollaro Tra i protagonisti dell’estate troviamo, ogni anno, il basilico, erba odorosa regina della cucina mediterranea odierna, ma anche molto diffusa nell’epoca medioevale. Il termine basilico (Ocimum Basilicus)

Ricette per 'VEGETARIANI PIGRI' 0 Comments

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!