Le prime tre cose da fare a Napoli quando sarà finita la quarantena

Le prime tre cose da fare a Napoli quando sarà finita la quarantena

Verso la fase 2 con la speranza di tornare alla vita di un tempo!

La nuova data di questa emergenza sanitaria è il 4 maggio; da lunedì comincia la cosiddetta fase 2 che tutti hanno tenuto a precisare non sarà un libera tutti ma una nuova fase di convivenza con il virus nel rispetto di tutte le  norme igieniche e di sicurezza già attuate in precedenza in tutte le città italiane.

Dopo due mesi di quarantena forzata il pensiero va subito al futuro e alla fine di questa epidemia e allora per restare positivi e magari anche un po’ sognatori ci siamo immaginati le tre cose da fare a Napoli quando sarà finita definitivamente la quarantena.

Per quanto la fase due preveda una serie di aperture non si ripartirà a pieno ritmo infatti anche le attività regolarmente aperte con la sola modalità di consegna a domicilio non consentono ancora la consumazione all’interno del negozio.

E allora al primo posto tra le cose da fare a Napoli quando sarà finita la quarantena sarà quella di mangiare una pizza nei vicoli tipici come Via dei Tribunali e tornare in maniera composta e in sicurezza a fare la fila davanti alle più buone pizzerie che caratterizzano questa strada: fino a pochi mesi fa tali file erano composte per la maggior parte da turisti provenienti da tutte le parti del mondo!

Sperando di tornare presto a viaggiare e tornare ad essere anche noi turisti sicuramente quello che vorremo fare a Napoli quando sarà finita la quarantena è poter rivedere da vicino il meraviglioso mare in una passeggiata in kayak o semplicemente facendo un tuffo dagli scogli di Marechiaro o di Posillipo!

In questi mesi di quarantena abbiamo assistito ad una rinascita della natura intorno a noi con acque famose per il loro inquinamento adesso cristalline più che mai!

Infine tre le cose che vorremo sicuramente fare quando sarà finita la quarantena è poter tornare ad abbracciare tutti i nostri “congiunti” che siano o meno affetti stabili ma tornare a sentire la vicinanza fisica che si è andata mano mano perdendo nostante i moderni mezzi tecnlogici ci abbiano sempre permesso di tenerci in contatto!

La fase 2 comincia e speriamo che si arrivi presto alla fase in cui questa brutta storia sarà un ricordo lontano ma anche una lezione di vita per non farci dare più per scontato nulla!

 

Previous La ricetta del babà
Next Le tre piazze più belle di Napoli

About author

You might also like

Cosa fare a Napoli 1Comments

Cuma e i nuovi indizi sulla Magna Grecia su National Geographic

di Simona Vitagliano Gli scavi di Cuma rappresentano uno dei tanti fiori all’occhiello del nostro territorio, forse davvero poco valorizzato e pubblicizzato, persino poco redditizio se si pensa che ormai sono passati

Arriva il Safety Check di Facebook per gli amici a Parigi

di Simona Vitagliano In questo giorno che è stata definito l’ 11 settembre francese moltissimi italiani e napoletani si sono allertati per amici, parenti e conoscenti residenti nella capitale francese o

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!