Lo Sferisterio: storia di un luogo fatto di passione e sport

Lo Sferisterio: storia di un luogo fatto di passione e sport

di Alessia Giannino

Ci sarete passati centinaia di volte, avrete visto senza guardare, qualcuno si sarà domandato cosa fosse, altri avranno sorriso ripensando al passato. Quell’enorme struttura a Fuorigrotta, sulla destra, prima di entrare nella grotta per andare a Mergellina è lo Sferisterio Partenopeo, quello che un tempo era utilizzato per le competizioni sportive di palla basca a Napoli.

La costruzione fu iniziata negli anni Quaranta con il progetto di Franco Tortorelli e fu terminato dieci anni dopo. Per decine e decine di anni fu teatro di incontri nazionali ed internazionali di pelota, ping pong e tamburello, tutti sport che appassionavano in molti. Nel 1980, a causa del terremoto, la struttura subì alcuni danni e due anni più tardi, davanti all’ingresso principale, scoppiò una bomba. Nel 1986, poi, durante la notte di San Silvestro, fu appiccato un incendio doloso che distrusse l’intera struttura. Si racconta che l’incendio fosse stato un regolamento di conti del clan camorristico locale che aveva chiesto un maxi pizzo per il Concerto di Capodanno: infatti, il giorno dopo, ci sarebbe dovuto essere un concerto con Riccardo Fogli e Franco Califano. Questo episodio segnò la fine dello Sferisterio, del buon gioco e di una passione, che per alcuni terminò con la fine della struttura stessa. La camorra, ancora una volta, ha spezzato il sogno di tanti, sporcando un qualcosa di pulito. Nel 2002 , poi, fu annunciato il recupero della struttura, con ipotesi d’accordo con la Società Attività Concessioni Sportive. Il progetto prevedeva una ristrutturazione su tre piani con cinema, ludoteca e centro commerciale. Nacque però una vertenza con la Soprintendenza, che non permise il cambiamento della destinazione d’uso, diversa da quella per la quale era concepito.

Dopo anni lo Sferisterio versa ancora in  condizioni di abbandono e, anche se fu presentato un nuovo progetto di riqualificazione nel 2006, niente è cambiato.

Fonte: Diario Partenopeo

Fonte: Diario Partenopeo

Booking.com

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!