Massimo Troisi nei murales di San Giorgio a Cremano

Massimo Troisi nei murales di San Giorgio a Cremano

di Alessia Giannino

A San Giorgio a Cremano, città natale di Massimo Troisi, l’attore rivive attraverso l’arte.

Ricomincio da tre”, “Il Postino” e “Non ci resta che piangere” sono solo tre dei film di Troisi, ma sono state scelte proprio alcune scene di questi per i murales comparsi sul Palaveliero della città.

Lo street artist Jorit Agosh ha deciso di omaggiare a modo suo quello che è stato uno degli attori napoletani più bravi del nostro tempo. L’iniziativa è stata richiesta al sindaco Giorgio Zinno dai cittadini che hanno raccolto oltre 500 firme affinchè l’opera venisse realizzata. Essa è stata finanziata dagli imprenditori del Palaveliero che, insieme al contributo di diversi sponsor locali, come la Flat Sport srl, e nazionali, hanno permesso a Jorit di iniziare il suo lavoro lo scorso 18 Gennaio.

Gli occhi ed il volto di Massimo Troisi sembrano veri e ci comunicano quella bellezza interiore che solo un uomo come lui ci potevano dare. Per il momento sono tre i murales realizzati, come detto, ma il progetto che si intende realizzare è quello di crearne altri, in diversi punti della città, ovviamente tutti dedicati a Troisi.

Jorit Agosh aveva già realizzato altri due murales a Napoli, quello raffigurante il volto di una bambina, dipinto a Ponticelli, per ricordare l’incendio del campo rom scoppiato anni fa, e quello di San Gennaro a Forcella.

I murales dedicati a  Massimo Troisi saranno illuminati notte e giorno.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!