Napoli “A braccia aperte”: abbracci a Piazza del Plebiscito
Fonte iwanttomaketheworldabetterplace.com

Napoli “A braccia aperte”: abbracci a Piazza del Plebiscito

di Annina D'Ambrosio

Domenica 9 Ottobre è una data da segnare: sì, perchè la città di Napoli si prepara per un evento davvero particolare. Si tratta di “A braccia aperte“, evento organizzato grazie ad Abbracci gratis Italia free hugs, che vuole trasmettere una morale ben precisa, ossia quella di affrontare la vita con positività e apertura verso il mondo. Infatti nella descrizione dell’evento si legge: “Per chi ogni giorno vive a braccia aperte, per chi consola gli amici a braccia aperte, per chi accoglie i nemici a braccia aperte, per chi vede il mondo a braccia aperte, per chi immagina il futuro a braccia aperte, per chi vuole una società a braccia aperte, per chi ha bisogno di braccia aperte, insomma un evento per tutti, qualunque sia il motivo per stare “a braccia aperte“.
Dunque, abbracciare è la parola chiave di questo insolito ma magico evento.

Per partecipare basta munirsi di un cartello o di un semplice foglio di carta con su scritta una frase-simbolo della manifestazione, un invito per tutti i partecipanti, come ad esempio il celebre “Free hugs” (abbracci gratis), o “Abbracciami“, “Voglio un abbraccio” e chi più ne ha più ne metta!
Inoltre è prevista anche una benda da indossare, se si vuole, restando fermi in attesa di un abbraccio, e questo potrebbe essere un elemento che facilita il gioco, sia per chi chiede un abbraccio sia per chi vuole donarlo, poichè il contatto visivo potrebbe imbarazzare e inibire i più timidi. Lasciatevi andare, abbracciate casualmente qualcuno, perchè questa è la festa del contatto sociale, della condivisione, della conoscenza dell’altro, del superamento delle paure, dei pregiudizi, dei razzismi, è una celebrazione dell’umanità, della sensibilità, della fiducia, dell’amore, dell’essere fratelli, dell’uguaglianza e della solidarietà, tutto racchiuso simbolicamente in un abbraccio.

E’ stato provato scientificamente che abbracciare fa bene alla salute: ha, infatti, un effetto terapeutico grazie alla produzione dell’ormone “ossitocina“, il cosiddetto ormone dell’amore che incrementa l’empatia.
Un esperimento sociale che ha già preso piede in numerose città del mondo, che promuove la vicinanza e la conoscenza dell’estraneo; l’idea è quella di provare ad abbracciare ed essere abbracciato, passeggiando per le strade della città, camminando a braccia aperte in cerca di un abbraccio oppure stando fermi, bendati e con le braccia aperte in attesa, come a dire “sono qui, abbracciami!
Il tutto avverrà nella bellissima cornice di Piazza del Plebiscito, dalle ore 10:00 alle ore 19:00.
Una città come Napoli, simbolo di libertà, apertura e solidarietà, non poteva non partecipare!

Previous Lago Lucrino: la leggenda del delfino Simone e del suo piccolo amico
Next I friarielli: fiore all’occhiello della cucina partenopea

About author

You might also like

Curiosita' 0 Comments

“‘O Cipp a Furcell”: perchè si dice così?

di Annina D’Ambrosio Durante una conversazione, nel dialetto napoletano, quando si vuole fare riferimento a qualcosa di antico, vecchio, non nuovo, si usa spesso la frase “Cippo a Forcella“. Se

Cosa fare a Napoli 0 Comments
Arte e Cultura 1Comments

Cuma e i nuovi indizi sulla Magna Grecia su National Geographic

di Simona Vitagliano Gli scavi di Cuma rappresentano uno dei tanti fiori all’occhiello del nostro territorio, forse davvero poco valorizzato e pubblicizzato, persino poco redditizio se si pensa che ormai sono passati

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!