Il Nocillo di Sorrento

Il Nocillo di Sorrento

Un liquore legato alla tradizione nella notte di San Giovanni 

Il nocillo è un liquore fatto con le noci e fa parte della trazione gastronomica campana. Dietro a questo elisir digestivo esiste una storia legata alla tradizione durante la notte di San Giovanni.
Per la preparazione di un ottimo nocillo la tradizione vuole che le noci devono essere raccolte la notte di San Giovanni, il 24 Giugno,in quanto periodo in cui la noce si trova nel suo momento migliore con i profumi derivanti dalla maggior presenza di linfa, oli e vitamine.Più affascinante e misteriosa è la storia in cui si racconta che la notte di San Giovanni le donne raggiungevano la campagna munite di scale e panieri e le più esperte si arrampicavano sotto il noce per scegliere i frutti migliori e metterli nel paniere. La notte continuava intorno ai fuochi accesi per lavorare con le noci che tagliate in quattro parti si deponevano in vasi di vetro, in cui erano lasciate a macerare in alcool per 40 o 60 giorni. Oggi questa usanza non esiste più, ma vengono sempre scelte le noci ancora verdi perché sono le migliori per ottenere un perfetto nocillo.Una volta lavate e tagliate in quattro parti vengono messe a macerare insieme alle spezie.
Il Nocillo, usato dopo i pasti, può essere un ottimo rimedio per la pesantezza di stomaco,anche per chi soffre di problemi gastro-intestinali,(senza esagerare con le dosi),infatti viene chiamato, “merecina” (medicina),per le sue proprietà digestive dovute alle spezie e agli olii contenuti nel mallo.

La ricetta

  • 30 noci fresche con il mallo
  • 1,5 alcol al 90%
  • 500 gr zucchero
  • 450 ml acqua
  • 20 gr cannella
  • 10 chiodi di garofano
  • la buccia di due limoni

Preparate uno sciroppo di zucchero ponendo su un fuoco medio l’acqua e lo zucchero a sciogliere. Fate restringere di ¼ e lasciate raffreddare. Tagliate le noci compreso il mallo in 4 parti.In un barattolo con coperchio, a pressione e capiente, mettete l’alcol e lo sciroppo zucchero che avete preparato prima.Aggiungete le stecche di cannella, i chiodi di garofano e le bucce del limone facendo attenzione che sia solo la parte gialla della buccia.Lasciate in infusione il liquore per 40 giorni in un luogo soleggiato e ogni tanto agitate la miscela. Passati i 40 giorni dell’infusione,filtrate e imbottigliate in bottiglie di vetro scuro sterilizzate.
Il nocillo deve risultare denso, bruno brillante, limpido, con sentori e profumi di noce intensi e persistenti. Il modo migliore di servirlo è liscio a temperatura di 16-18°, come digestivo alla fine dei pasti.

 

 

You might also like

Cucina

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!