Posillipo e Nisida: storia di un amore impossibile

Posillipo e Nisida: storia di un amore impossibile

di Alessia Giannino

Come ben sappiamo, sono tantissime le leggende che caratterizzano Napoli.

Sicuramente una delle più avvincenti è quella di Nisida e Posillipo, che oggi richiamano la mente a due bellissime località della città.

La leggenda vuole che questi due luoghi prendano il nome da due protagonisti del racconto. Posillipo era un giovane leggiadro e gentile, che viveva in modo sereno ed era ben voluto da tutte le persone che lo circondavano. La sua vita spensierata fu turbata improvvisamente da un amore impossibile. Il giovane, infatti, si innamorò di Nisida, una donna di campagna, che aveva ricevuto in dono dal destino una bellezza fisica fuori dal comune, ma a questa bellezza esteriore non corrispondeva la stessa bellezza interiore e, per questo motivo, non corrispose mai al corteggiamento di Posillipo. Nisida era la classica ammaliatrice, che incantava le sue vittime, facendole cadere nella rete di un amore non corrisposto, solo per il piacere di vederli soffrire. Posillipo cercò in tutti i modi di scalfire il cuore di pietra di Nisida, ma non vi riuscì e, quindi, decise di commettere un gesto avventato e con l’intenzione di suicidarsi si gettò in mare.

Il destino, però, aveva un progetto diverso in serbo per Posillipo, il quale fu trasformato in un promontorio, dove continuamente le onde del mare si sarebbero infrante. Anche il destino di Nisida fu simile: infatti fu trasformata in uno scoglio posto di fronte al promontorio in cui era stato trasformato Posillipo. I due personaggi divennero due entità morfologiche distinte e separate, ma accomunati dallo stesso epilogo, destinati a restare per sempre l’uno vicino all’altra. L’istmo che separa fisicamente i due è un po’ l’emblema di quell’amore al quale non è mai stata data la possibilità di esistere.

Oggi il promontorio di Posillipo è sicuramente uno dei posti più suggestivi e panoramici di Napoli, a differenza di Nisida che, probabilmente, proprio a causa della cattiveria della persona dalla quale prende il nome, è stata scelta come luogo di eterna prigionia e dimora di persone macchiate da reati.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!