Rimedi Naturali: come recuperare l’acqua dell’acquario

Rimedi Naturali: come recuperare l’acqua dell’acquario

di Simona Vitagliano

Un acquario è un intero ecosistema a sè stante, un pezzo di Natura nelle nostre case, ma si sa, è anche un grosso impegno oltre che un grande “contenitore di acqua”: una risorsa che non andrebbe mai sprecata per una serie infinita di motivi noti e meno noti…

Fermo restando che, a discapito di quello che si pensa, tutti i tipi di pesci, dai tropicali a quelli d’acqua fredda, hanno bisogno di muoversi e spostarsi il più possibile, nei negozi molti commercianti sponsorizzano anche vaschette piccole per tartarughine o pesci rossi, per cui l’ipotesi di riciclo ecologico si estende anche a questi casi (anche se le misure troppo insufficienti andrebbero drasticamente evitate!).

Ma come si può recuperare e riutilizzare l’acqua “sporca”?
In realtà quando effettuiamo cambi d’acqua, ai nostri acquari o alle vaschette, quello da tenere presente è che, proprio perchè è “sporca”, è una fonte molto ricca di fertilizzante naturale (i rifiuti organici dei pesci e degli altri organismi, se ce ne sono, ne sono già un valido motivo) e fertilizzante chimico (se utilizzato per nutrire le piante del piccolo ecosistema).

Il risultato di questi cambi, quindi, può essere utilizzato per innaffiare (e nutrire) le piante del giardino, del balcone o poste sui davanzali nelle stanze di casa!

Basterà raccogliere l’acqua in bottiglie, in taniche o in un secchio pulito, e conservarla per riutilizzarla al primo momento utile.

Di certo dell’acqua non fredda, priva di cloro e ricca di elementi nutritivi e di fertilizzanti è un toccasana in questi casi!

Non solo, quindi, non si sprecherà una risorsa molto importante, ma si eviterà di buttare altri rifiuti nei condotti fognari, facendo contemporaneamente un gesto nutritivo e d’amore per le nostre piante!

Occhio solo alle coltivazioni destinate alle cibarie: se l’acqua dell’acquario è stata trattata con dei medicinali o rimedi chimici è opportuno controllare sulle etichette le avvertenze.

La Natura è un cerchio chiuso, non spreca nulla, mai dimenticarlo!

Previous #CinemaDays2016: al cinema con soli 3 euro! Ecco le sale aderenti a Napoli e provincia.
Next Capri Watch Cup 2016: torna il grande tennis a Napoli

About author

You might also like

Curiosita' 0 Comments

Napoli in sup per la costa di Posillipo

“Queste rive, golfi, insenature, il Vesuvio, la citta’ coi suoi dintorni, i castelli, le ville…siano perdonati tutti coloro che a Napoli escono di senno.” Così il poeta Goethe scriveva in

Arte e Cultura 0 Comments

Scavi di Liternum: il sogno di uno studente di architettura

di Simona Vitagliano Degli scavi di Liternum, quella meravigliosa, incredibilmente abbandonata, realtà presente sul Litorale Domitio, ne abbiamo già parlato in un articolo di qualche tempo fa, corredato da una

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!