Terza edizione per “Keep Clean and Run”

Terza edizione per “Keep Clean and Run”

di Simona Vitagliano

Fonte: YourMag

Sta per partire la terza edizione della risposta italiana all’iniziativa europea Let’s Clean Up Europe contro il littering (abbandono di rifiuti), che interesserà tutto il continente dal 1° Marzo al 30 Giugno.

Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia saranno le regioni del settentrione italiano coinvolte per la terza edizione di “Keep Clean and Run – Pulisci e Corri“, promossa da AICA (Associazione Internazionale per la Comunicazione Ambientale) in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Il percorso

350 chilometri distribuiti tra il Parco del Vesuvio, da dove partirà il 1° Aprile la sfida, e il Parco dell’Etna, il cui raggiungimento è previsto il 7 dello stesso mese.

Protagonista dell’evento sarà Roberto Cavallo, presidente di AICA e divulgatore ambientale (per Rai Tre), insieme ad altri runner, sponsor e testimonial.

L’obiettivo è quello di raccogliere i rifiuti incontrati abbandonati sul percorso, fotografando e mappando quelli impossibili da rimuovere in modo da ottenere, alla fine dell’evento, un reportage aggiornato che faccia da segnalazione.

Tra le tappe più importanti, all’interno del tracciato Vesuvio-Etna, ci saranno:

  • Amalfi (SA)
  • Paestum (SA)
  • Pollica (SA)
  • Maratea (PZ)
  • Rotonda (PZ)
  • Parco della Sila
  • Catanzaro
  • Taurianova (RC)
  • Riace (RC)
  • Reggio Calabria
  • Messina

Non è un caso che il percorso interessi ecosistemi di montagna e mare: il 70% dell’inquinamento dei nostri mari proviene proprio dall’entroterra!

Tutti saranno invitati a partecipare: scuole, famiglie, associazioni, enti. Il fine ultimo è creare una rete d’informazione e azione che possa espandersi a macchia d’olio e coinvolgere quante più persone possibili per istruire ai valori della sostenibilità e del rispetto ambientale.

Le riprese

L’intero viaggio sarà ripreso dalle telecamere di Mimmo Calopresti, regista calabrese scelto, per la sua esperienza, tra decine di colleghi candidatisi al bando apparso sul sito AICA.

Ne nascerà un documentario importante, in grado di arrivare al cuore e alla coscienza delle persone.

Secondo Barbara Degani, infatti, Sottosegretario all’Ambiente: “Ogni anno, milioni di tonnellate di rifiuti abbandonati finiscono negli oceani, sulle spiagge, nelle foreste o da qualche parte nell’ambiente che ci circonda. Questo dramma ha una serie di concause: il modello insostenibile di produzione e consumo della nostra società, le politiche di gestione dei rifiuti inefficaci, ma anche, purtroppo, una scarsa educazione ambientale diffusa, che produce stili di vita poco ecocompatibili e scarso rispetto della natura“.

I partecipanti

Sono state molte le personalità note ad aderire al programma, sia dal mondo dello sport che da quello dello spettacolo (tra cui Leo Gullotta), passando per la società civile (con il prete anti-ndrangheta Don Pino De Masi, i sindaci Stefano Pisani e Mimmo Lucano ed altri) e l’ambiente (come  il presidente di Zero Waste Europe, Enzo Favoino, la presidente di Legambiente, Rossella Muroni etc).

Insomma, un appuntamento imperdibile per chi ama la natura, per chi desidera impegnarsi concretamente ma anche, e soprattutto, per chi vuole imparare e saperne di più su come salvaguardarla.

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!