Cosa vedere a Napoli in 3 giorni
Foto di Guglielmo Dell'Isola da Pixabay

Cosa vedere a Napoli in 3 giorni

Per visitare Napoli certamente non possono bastare solo tre giorni. Le bellezze storiche, culturali e naturali che caratterizzano il capoluogo partenopeo sono tantissime e nemmeno chi abita da anni può conoscerle tutte.

Tuttavia, in una breve visita a Napoli ci sono alcune cose da fare e da vedere assolutamente. In questo articolo cercheremo proprio di capire quali sono le principali attrazioni da non perdere e come visitarle per ottimizzare i tempi, anche in un ponte lungo di Halloween a Napoli.

#Giorno1: da Via dei Tribunali fino a Spaccanapoli

Partiamo dal centro storico, laddove si possono ammirare monumenti ed edifici risalenti a molte epoche diverse. Non è un caso che questa parte della città sia stata dichiarata Patrimonio UNESCO nel 1995. Più nello specifico, partiamo da Via dei Tribunali, una strada caratteristica e sempre affollata, in cui poter districarsi tra tanti ristoranti e locali che offrono il cibo della tradizione partenopea.

Da qui, la visita prosegue per la celebre via di San Gregorio Armeno, la via dei Presepi dove sono esposte tutto l’anno non solo piccole e grandi statue dei personaggi del presepe, ma anche divertenti sculture di personalità del mondo dello spettacolo di oggi. Il consiglio da seguire è quello di visitare la via nelle ore meno affollate, in modo da godersi al meglio le opere.

Proseguendo a piedi, si può visitare anche un’altra via storica della città, Spaccanapoli, il cui nome è dovuto proprio alla caratteristica della strada di spaccare in due Napoli.

Al termine di questa prima giornata di soggiorno nel capoluogo partenopeo, si può concludere visitando la Cappella San Severo, situata proprio nel centro di Spaccanapoli. Al suo interno si può ammirare la meravigliosa opera di Giuseppe Sammartino, conosciuta in tutto il mondo per la sua bellezza con il nome di Cristo Velato. La struttura è aperta al pubblico fino alle ore 19:00, tranne il martedì che è chiusa. Il prezzo del biglietto è di 8 euro, mentre il ridotto è di 5 euro.

#Giorno2: dalle vie dello shopping fino al lungomare

Per il secondo giorno l’itinerario consiste in una passeggiata tra le due vie dello shopping principali della città: via Toledo e Via Chiaia. La prima è costituita da negozi della fast fashion, come Zara o H&M. Inoltre, vi si possono trovare anche numerosi ristoranti e pasticcerie. Ma quando si parla di Via Toledo bisogna citare anche quella che più volte è stata definita la metropolitana più bella d’Europa, ovvero la stazione di Toledo, un vero e proprio gioiello artistico progettato dall’architetto spagnolo Óscar Tusquets e inaugurato nel 2012.

Prima di proseguire per Via Chiaia, la via dello shopping costituita dalle boutique di alta moda, può essere una buona idea sostare nella celebre Piazza del Plebiscito, uno dei luoghi più conosciuti di Napoli.

Si può infine concludere la giornata con una bella passeggiata nello splendido lungomare, sul quale poter respirare l’odore del mare e ammirare il meraviglioso paesaggio sull’intero Golfo. Merita anche una visita al Castel dell’Ovo, che si affaccia sul mare direttamente dall’Isolotto di Megaride. L’ingresso è gratuito, ma spesso può essere chiuso al pubblico per lo svolgimento di eventi al suo interno.

#Giorno3: immergersi nel verde del Bosco di Capodimonte

Cosa c’è di meglio che concludere il soggiorno nel capoluogo partenopeo con un bel pic nic nel Bosco di Capodimonte, uno dei polmoni verdi più grandi dell’intero paese. Il parco si estende per ben 1,24 km quadrati e registra ogni anno più di un milione di visitatori. Venne realizzato nel 1742 su ordine di Re Carlo III di Spagna, il quale affidò i lavori all’architetto Ferdinando Sanfelice. È costituito da tanti viali dove poter passeggiare o fare jogging.

Al suo interno si trova anche il celebre Museo Nazionale di Capodimonte, costituito da 3 piani ricchi di opere di importanti artisti. Tra queste, merita una menzione particolare la Collezione Farnese, che contiene i lavori di Botticelli, Raffaello e Warhol. Il Museo è aperto il giovedì e il martedì dalle ore 8:30 alle 19:30. Il biglietto intero è di 10 euro, mentre il ridotto è di 2 euro.

Prima di lasciare definitivamente la città, non si può non andare in uno dei luoghi più visitati al mondo: Pompei. Un’escursione nel sito archeologico rappresenta un’esperienza suggestiva che sarà difficile dimenticare. Per spostarsi a Pompei si può anche noleggiare un pulmino 12 posti e godersi il viaggio in totale relax.

Previous Alla scoperta della costiera sorrentina

About author

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!