Le gallerie sommerse scoperte accanto al Castel dell’Ovo

Le gallerie sommerse scoperte accanto al Castel dell’Ovo

di Gaetano Mango

Se fosse un film lo chiamerebbero “La città sommersa”.

Napoli e le bellezze di Napoli non sono soltanto quelle che si vedono in superficie. Nel sottosuolo partenopeo c’è la storia di secoli e secoli di civiltà che centinaia di anni e di urbanizzazioni hanno ricoperto.

Basti pensare ai ritrovamenti in zona Piazza Municipio che più volte hanno obbligato il comune a interrompere i lavori per la costruzione della metro. Ma non è solo la Napoli sotterranea a rappresentare una pagina importante della storia di questa città.

È da più di quattro anni, infatti, che un team di esperti sta lavorando alla mappatura geo-archeologica della costa, compiendo studi approfonditi su tutto il litorale del golfo, da Monte di Procida a Punta Campanella, con l’obiettivo di trovare l’antica linea costiera della città. Il lavoro è frutto di un accordo tra il Ministero dei Beni culturali, la Soprintendenza Archeologica della Campania e Marenostrum Archeoclub d’Italia ed è portato avanti senza sponsor importanti.

E proprio nelle profondità del golfo ecco uno dei ritrovamenti più importanti dell’intero progetto. A tre metri di profondità, lungo il lato occidentale di Castel dell’Ovo infatti, sono state trovate alcune gallerie di 4-5 metri di lunghezza e larghe poco più di un metro.

Fonte: espresso.repubblica.it

Fonte: espresso.repubblica.it

A svelare qualche informazione sugli utilizzi che in passato si sono potuti fare di queste gallerie è uno degli studiosi impegnati nelle immersioni, Filippo Avilia, che in una breve intervista a L’Espresso ha spiegato come queste gallerie, probabilmente, collegavano le due quote del dislivello sul fondale, utilizzate, si pensa, per trasportare la pozzolana estratta: “Hanno un taglio trapezoidale, come quello che si ritrova in tutti i banchi di tufo presenti a Posillipo, definiti genericamente di epoca greca ma utilizzati anche successivamente. Di qui la datazione ancora incerta, perché potrebbero appartenere a cave greche, ma essere state sfruttate pure in età romana visto il grande utilizzo della pozzolana attestato in tale periodo. La cresta di tufo è attraversata da queste gallerie. Ciò significa che la cresta era un ostacolo da attraversare non da sfruttare, altrimenti sarebbe scomparsa anch’essa, perciò ipotizziamo che il trasporto fosse di pozzolana”.

Booking.com

You might also like

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!