Napoli in sup per la costa di Posillipo

Napoli in sup per la costa di Posillipo

Queste rive, golfi, insenature, il Vesuvio, la citta’ coi suoi dintorni, i castelli, le ville…siano perdonati tutti coloro che a Napoli escono di senno.”

Così il poeta Goethe scriveva in riferimento alle incredibili bellezze del Golfo di Napoli e non c’è da biasimarlo soprattutto se si ha la fortuna di imbattersi in un giro di kayak  o sup per la costa di Posillipo!

Tuttora lungo la costa di Posillipo è possibile ammirare i resti di ville e palazzi di epoca romana o addirittura più antichi su tutto il tratto che costeggia Mergellina, Marechiaro fino all’isolotto di Nisida.

Noleggiare un sup o un kayak è il modo migliore per esplorare le meraviglie della costa di Posillipo; partendo dalla piccola spiaggia di Via Ferdinando Russo, conosciuta ai più come Giuseppone a Mare dal nome del ristorante adiacente si procede verso Villa Volpicelli.

La villa è caratterizzata da  un  vasto giardino nascosto da un muro di cinta e si distende completamente verso il mare, la sua costruzione risale al 1626; ai giorni nostri è famosa per  rappresentare l’esterno di palazzo Palladini, il condominio nel quale è  ambientata gran parte di “Un posto al sole”, famosa soap di Rai 3.

A poca distanza troviamo poi la Baia del Cenito che conduce al porto di Villa Lauro conosciuto soprattutto per la sua sorgente di acqua minerale, continuando il giro in sup si arriverà facilmente al Palazzo Donn’Anna, espressione del barocco napoletano commissionato da Anna Carafa all’architetto Cosimo Fanzago. Si tratta di una delle costruzioni più famose di Napoli, adagiata completamente nell’acqua è una vera e propria suggestione osservarla dal mare.

Ma non finisce qui.. continuando il giro in sup si può scorgere la famosa Villa Rosebery residenza del Capo dello Stato la cui costruzione è risalente al 1800, estesa per una superficie di mq. 66.056, si sviluppa in declivio verso il mare, con un dislivello di circa quaranta metri, a far da cornice a questa spettacolare villa un giardino immenso in cui spiccano esemplari di camelie e corbezzoli e lecci secolari.

A completare la traversata della costa di Posillipo  in sup, un passaggio obbligato da fare è quello verso il borgo di Marechiaro con l’incantevole “finistrella” da cui si sgorge un panorama mozzafiato.

Infine, l’ultimo ma non per importanza gioiello della costa di Posillipo  è il Parco sommerso di Gaiola, si tratta di un’area marina protetta che si estende e dalla Baia Trentaremi al Borgo di Marechiaro. Prende il nome dai due isolotti della Gaiola che sorgono a pochi metri dalla costa e che rappresentano uno dei paesaggi più caratteristi da ammirare nel mare di Napoli.

L’area archeologica sommersa ospita numerosi reperti che spaziano da elementi vulcanologici a biologici nonchè i resti della villa Imperiale di Pausylipon originariamente di proprietà di  Publio Vedio Pollione, diventata poi residenza imperiale di Augusto e dei suoi successori.

 

 

 

 

 

 

Previous Le tre chiese più belle di Napoli
Next I migliori film girati a Napoli

About author

You might also like

Arte e Cultura 0 Comments

Lo stile liberty dei palazzi del quartiere Vomero a Napoli

Quando si parla di stile liberty nel capoluogo partenopeo ci riferiamo ad una corrente artistica “floreale” legata all’architettura dei primi due decenni del ventesimo secolo in alcuni famosi quartieri di

Curiosita' 0 Comments

Arriva il Safety Check di Facebook per gli amici a Parigi

di Simona Vitagliano In questo giorno che è stata definito l’ 11 settembre francese moltissimi italiani e napoletani si sono allertati per amici, parenti e conoscenti residenti nella capitale francese o

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!